Il mese del ritorno della primavera è sempre stato prodigo di nuove uscite editoriali in ambito di Fantascienza, ma quest’anno come non mai (in tempi recenti), ho potuto raccogliere un ventaglio di tanti titoli diversi e numerosi. Ci sono soprattutto tanti editori nuovi (almeno in questa vetrina), non tutti soliti al genere. 

FANTASCIENZA IN LIBRERIA – LE NUOVE USCITE DI MARZO 2019

E’ quindi con particolare curiosità che mi cimento nell’elencarvi tutti questi nuovi libri, con la triste consapevolezza che non potrò mai mettermi in pari con le letture (ma ci proverò!).

Stazione Araminta: Le cronache di Cadwal 1 di [Jack Vance]

Stazione Araminta: Le cronache di Cadwal 1 di Jack Vance (Delos Digital)

A metà lunghezza del Braccio di Perseo, un capriccioso refolo di gravitazione galattica ha imprigionato diecimila stelle spingendole via per la tangente, in un ricciolo con un vortice all’estremità. Questo è lo Sciame di Mircea. Sull’esterno del vortice, ad apparente rischio di volar via nel vuoto, c’è Syrene, una stella bianco-gialla di normale grandezza e luminosità. Syrene tiene intorno a sé tre pianeti fra i quali Cadwal, l’unico mondo abitato del sistema. Pianeta di incomparabile bellezza, Cadwal fu esplorato per la prima volta dalla Società Naturalistica Terrestre che lo pose sotto il vincolo di riserva naturale. Ma nei secoli la popolazione è cresciuta e si è divisa due società: da una parte Stazione Araminta, che governa la conservazione del pianeta, e dall’altra gli strani Yips dell’Atollo di Lutween. Il giovane Glawen Cattuc sta per compiere sedici anni ed entrare nei ruoli attivi della società, ma un evento drammatico sconvolge la sua lineare esistenza: la sua fidanzata, Sessily Veder, sparisce improvvisamente. Per investigare sulla sua scomparsa Glawen è costretto ad avventurarsi tra gli strani rituali, le abitudini e i misteri che si nascondono nei fantastici paesaggi di Cadwal e che ne minacciano l’equilibrio.

The Hematophages (edizione italiana) di [Stephen Kozeniewski]The Hematophages di Stephen Kozeniewski (Dunwich Edizioni)

La dottoranda Paige Ambroziak è una “coniglietta di stazione”: non ha mai messo piede fuori dall’avamposto nello spazio profondo in cui è cresciuta. Ma quando le viene offerta una piccola fortuna per unirsi a una missione di recupero clandestina, coglie l’opportunità per lasciarsi alle spalle lo spietato mondo accademico. Paige è convinta di essere stata arruolata per trovare la leggendaria Manifest Destiny, una nave semina che è andata perduta in un’epoca antecedente al governo delle corporazioni sulla Terra e sulle colonie. Qualunque cosa stia cercando, però, riposa nei mari simili a sangue di un organismo di dimensioni planetarie chiamato mondo di carne. I pericoli abbondano per Paige e le sue compagne di viaggio. Volare fuori dallo spazio tracciato significa che le corporazioni concorrenti possono sparare a vista piuttosto che rispettare i diritti di recupero. L’area è anche territorio di caccia delle macabre skinwrapper, corsare note per uccidere chiunque non si sottometta. Ma la più grande minaccia per la missione di Paige sono i ripugnanti parassiti alieni che infestano il mondo di carne. Queste mostruosità simili a lamprede erano solite nuotare in un oceano di sangue e sono pronte a versarne un altro dalle vene delle straniere che hanno contaminato il loro habitat. Nel giro di poche ore, Paige scoprirà che non ci sono limiti alla depravazione e alla violenza dei grotteschi incubi noti come… ematofagi.

Gravità zero (Urania) di [McMaster, Bujold Lois]Gravità zero di Bujold Lois McMaster (Urania)

A Leo Graf, ingegnere spaziale della potente GalacTech, viene affidato un incarico sull’Habitat Cay, una stazione in orbita attorno al pianeta Rodeo: insegnare a una classe di operai spaziali le tecniche più avanzate nel proprio campo. Quello che Leo non si aspetta, arrivando in classe, è che gli allievi siano quad, i primi esperimenti di ingegneria genetica applicata all’uomo: creature straordinarie destinate a lavorare a gravità zero. Ma con l’avanzare della ricerca il progetto viene accantonato, e Leo Graf si trova a guidare la rivolta di un popolo che non ha chiesto di nascere ma che è deciso ad affermare il suo diritto a esistere.

Caccia alla fenice (Urania) di [Swanwick, Michael]Caccia alla Fenice di Michael Swanwick (Urania)

Caccia alla fenice “Surplus arrivò dal nord abbigliato come uno sciamano, ricoperto di nastri multicolori e dischi di rame battuto. Conduceva uno yak adorno di nappe rosse e campanelli d’argento. La bestia trasportava un grosso involto di tela, legato accuratamente con delle corde. Dentro c’era il cadavere del suo amico Aubrey Darger.” In un lontano futuro, un cane umano geneticamente modificato che cammina in posizione eretta, arriva in Cina per riportare in vita il suo compagno truffatore. Il vecchio mondo tecnologico è solo un ricordo e le intelligenze artificiali che l’avevano gestito sono state bandite e distrutte. O così sembra… Un capolavoro della fantascienza dal vincitore di cinque premi Hugo.

Korolev, la luce di Eris: Korolev 2 di [Paolo Aresi]Korelev – La luce di Eris di Paolo Aresi (Delos Digital)

Romanzo (237 pagine) – Finalmente il seguito di Il caso Korolev, un’avventura nel tempo e nello spazio fino ai confini del sistema solare. Era stato l’ingegnere capo del progetto spaziale russo, la mente dietro imprese storiche come il volo di Yuri Gagarin. Poi era sparito: ufficialmente era morto, ma la realtà, come a volte accade, era molto più incredibile. Recuperato su Marte da una missione euroamericana oltre cento anni dopo, ora Korolev deve nuovamente mettere il suo genio a disposizione dell’umanità. Perché forse il mistero della scomparsa dei Marziani non è sepolto nel passato come molti credevano.

Il libro di Joan (Supercoralli) di [Yuknavitch, Lidia]Il libro di Joan di Lidia Yuknavitch (Einaudi)

Anno 2049. Il riscaldamento globale e le guerre hanno ridotto la Terra a un cumulo di macerie inabitabili. Chi ha potuto permetterselo è scappato su una stazione orbitale diventata l’enclave di ricchi privilegiati su cui governa un dittatore ancora piú ricco e privilegiato. I pochi resistenti si tramandano la leggenda di una giovane donna, forse una pazza, forse una terrorista, forse una santa, che potrebbe salvarli. Ma Joan è morta: è stata giustiziata anni fa. O cosí si dice… In questi tempi oscuri sembra che l’unico realismo possibile sia la distopia. Pochi altri libri sono stati accolti come il romanzo di Lidia Yuknavitch al suo apparire: Il libro di Joan è stato salutato come la piú precisa e cruda cronaca dell’oggi, quasi che solo un racconto di fantascienza (ma di una fantascienza completamente nuova, visionaria e «inaudita») potesse rendere conto di un presente allucinato e violento. Un potere maschile opprimente e violento che dispone del corpo delle donne come una risorsa da prosciugare; le diseguaglianze economiche che rendono il pianeta inabitabile tanto quanto il cambiamento climatico provocato da quelle stesse logiche inique; il discorso politico che fomenta il risentimento attraverso lo spauracchio dell’emergenza continua; la nostalgia di un passato immaginario come unica, posticcia, via di fuga: di tutto questo la Yuknavitch fa il materiale grezzo di un racconto ustionante, un viaggio fantastico tanto estremo quanto emozionante. Fantascienza classica e femminismo radicale, Margaret Atwood e Kathy Acker, «new weird» e Donald Trump. La cronaca del domani è stata raccontata molte volte: ma mai cosí.

Atterraggio in Italia di AA.VV. (Delos)

Qualcuno sosteneva che la fantascienza ambientata in Italia non avrebbe senso. Undici autori italiani sono qui a dimostrare il contrario! La sfida di questa raccolta è quella di scrivere fantascienza sfruttando le opportunità che uno scenario come l’Italia offre per questo genere narrativo. “Atterraggio in Italia” racconta non tanto un’Italia del futuro (visto che alcune delle storie contenute in questo volume potrebbero accadere già oggi, in quello che viene chiamato “futuro istantaneo”), ma un’Italia fantascientifica, in cui l’interrogativo è posto su cosa accadrebbe se il nostro paese diventasse, all’improvviso, il palcoscenico su cui si muovono e prendono forma i temi della fantascienza: se, quindi, l’Italia diventasse terra di atterraggio di dischi volanti, per citare e al tempo stesso smentire la nota affermazione attribuita a Carlo Fruttero, per cui sarebbe difficile immaginare un disco volante che atterri su Lucca.

Il migratore solitario di [Lorenzo Iacobellis]Il Migratore solitario di Lorenzo Iacobellis (Delos Digital)

Racconto lungo (44 pagine).  Un migratore si premura di lasciare tutto in ordine prima di sigillare le case dell’abitato, montare sulla bicicletta ben carica, e partire per un viaggio di migliaia di chilometri, incuneandosi insieme all’unica misteriosa strada rimasta agibile nell’immenso deserto che è diventato la Terra. Mauro Tetrarca è attento oltre che scrupoloso, e si chiede chi abbia costruito quella strada e perché non abbia attrito, o perché esista da trecentomila anni. Forse è vecchia quanto l’Evo dell’Aridità, l’epoca in cui sul pianeta sono rimasti specchi d’acqua sparuti da raggiungere e fare fruttare ciclicamente, e creare nuove comunità di persone, e una famiglia, magari. Mauro Tetrarca è anche sospettoso, e si domanda perché alcuni migratori spostino più risorse del necessario, e se siano vere quelle voci sulla Congrega della Vita. Pedala, Mauro Tetrarca. Pedala per portare la vita o scongiurare la morte.

I figli di Afrodite di [Tinivella, Claudio]I figli di Afrodite di Claudio Tinivella (Edizioni Scudo)

Un pianeta inospitale viene colonizzato, ma dopo molto tempo suoi abitanti terrestri hanno quasi perso il senso della loro antica origine e vivono in città separate tra loro, carichi di diffidenza.
Ma strane cose stanno accadendo in una di esse, esperimenti segreti che se resi noti alla popolazione provocherebbero il disastro. Gli eventi, tuttavia sono oramai inarrestabili, il tracollo comincia in attesa che loro nuovi eredi e discendenti ereditino la totalità di quel mondo. Unici a poterne comprendere davvero la bellezza.
Un romanzo emblematico, e sicuramente metaforico, nel quale l’autore riversa l’esperienza di una vita di scrittura e di passione per la fantascienza.

Manuale di scrittura di fantascienza. Passaporto per l’eternità di Giulia Abbate e Franco Ricciardiello (Odoya)

La fantascienza è oggi un genere di enorme successo: nel cinema, nelle serie tv, in fortunate saghe letterarie, il pubblico cerca visioni del futuro che si riflettano sul nostro presente e ci aiutino tanto a sognare, quanto a capire. Le storie di fantascienza, distopiche, di speculative fiction e di narrativa di anticipazione alla Black Mirror hanno una comunità di lettori e lettrici attenti, esigenti e sensibili alla qualità, oltre che ai contenuti teorici. Gli scrittori e le scrittrici ne sono consapevoli, ma hanno spesso pochi strumenti per lavorare in modo professionale e soddisfacente, senza incorrere nei problemi tipici di un genere amato, ma complesso e ancora poco conosciuto nei suoi meccanismi interni. Questo manuale nasce per aiutare chi si avvicina alla scrittura speculativa a farlo nel modo migliore: dopo una introduzione che delinea una rapida panoramica sulla tradizione della fantascienza, espone (con agili schede di lettura) quello che è utile sapere sul canone di riferimento e sui “luoghi comuni” che non si possono ignorare. Ma lo fa in chiave operativa, concentrandosi sul funzionamento delle storie, sulla loro costruzione, sugli aspetti principali da conoscere per cominciare a scrivere subito. Un metodo pratico di scrittura che spiega chiaramente cosa fare (e come farlo meglio) e cosa non fare, il tutto pensato per mettere autori e autrici in condizione di scrivere più facilmente e più velocemente, con cognizione di causa e con l’amore per un genere che è principalmente un punto di vista, e che si presta a infinite declinazioni una volta compresa la sua essenza peculiare.

Runtime (Future Fiction Vol. 71) di [Divya, S.B.]Runtime – Future Fiction Vol. 71 di S.B.Divya (Future Fiction)

Runtime – finalista al premio Nebula 2016 – è l’avvincente debutto nella narrativa di fantascienza di S. B. Divya.  La Minerva Sierra Challenge è una corsa estenuante durante la quale ricchi cercatori di brividi con sponsor aziendali, squadre di supporto, esoscheletri all’ultimo grido e potenziamenti interni si scontrano in mezzo al deserto infuocato della Sierra Nevada.Marmeg Guinto non ha soldi, né aiuto. Ha messo insieme la sua attrezzatura usando parti trovate nella spazzatura dei ricchi e ha speso i soldi che sua madre voleva che usasse per la scuola da infermieri per partecipare alla gara. Tuttavia la Minerva Challenge è l’unica possibilità per Marmeg di migliorare la sua vita e quella dei suoi fratelli minori. Per questo è pronta a rischiare tutto.

Macchine mortali – L’oro dei predoni di Philip Reeve (Mondadori)

Sono passati ormai più di due anni dalla distruzione di Londra e Tom ed Hester, ancora insieme e sempre più innamorati l’uno dell’altra, vivono solcando i cieli a bordo della Jenny Haniver e commerciando tutto ciò che trovano lungo il loro cammino. Hester si sta persino abituando alla felicità, proprio lei che per anni ha vissuto ai margini, affamata e rassegnata alla solitudine. Finalmente sembra essersi ritagliata il suo posto nel mondo, accanto al suo Tom. Un giorno, però, dopo essere stati attaccati dallo Stormo Verde, i due precipitano nelle Lande di Ghiaccio, dove vengono soccorsi in extremis da Anchorage, una città un tempo pacifica e gloriosa ma che ora riesce a stento a sopravvivere e che si muove scivolando silenziosa come un fantasma attraverso quelle distese innevate e inospitali. Qui vengono accolti a corte da Freya Rasmussen, la giovanissima e nobile margravia della città. La ragazza, dopo la morte dei genitori a causa dell’epidemia che ha decimato la popolazione di Anchorage, ne ha assunto la guida e ha scelto di darle una nuova, spregiudicata rotta verso l’America, il continente morto. Proprio quelle terre lontane e devastate dalla Guerra dei Sessanta Minuti, dove quasi nessuno è mai riuscito a spingersi e dove si narra si trovino oasi rigogliose e lussureggianti. La permanenza nella città e, soprattutto, la vicinanza con Freya, con la quale condivide interessi e passioni, risveglieranno però in Tom la nostalgia per la sua vecchia vita londinese e inizieranno a creare un’incrinatura nel suo rapporto con Hester, come una crepa nel ghiaccio, molto sottile ma pronta ad allargarsi. Tanto da spingere la ragazza, furiosa per la gelosia, a prendere una decisione che rischierà di mettere in pericolo tutto ciò per cui ha lottato fino a quel momento.

Stella rossa BogdanovStella Rossa – Ed. Variant di Aleksandr Bogdanov (Alcatraz)

Leonid, giovane matematico e rivoluzionario marxista, che vive a San Pietroburgo, riceve la visita di un misterioso individuo di nome Menni. I due ben presto sviluppano un’intesa, dettata dalla fervente passione per le idee rivoluzionarie e per i principi e lo sviluppo scientifico. Menni, che si scoprirà essere un marziano sotto mentite spoglie, invita Leonid ad accompagnarlo in un viaggio alla scoperta di altri pianeti, come Venere e Marte. Così, a bordo di un razzo a propulsione nucleare, partono alla volta del Pianeta Rosso e durante il lungo viaggio Leonid ha la possibilità di apprendere la lingua marziana, oltre a parte della storia di quel nuovo, curioso mondo. Una volta atterrato, il terrestre inizia a studiare la civiltà socialista marziana. Notando il livello di avanzamento della società, lo sviluppo delle fabbriche, delle scuole, delle strutture mediche, dei musei e degli istituti di ricerca su Marte, Leonid si convince della superiorità del socialismo marziano rispetto al capitalismo che in quel momento imperversa sulla Terra. Durante la sua visita, il terrestre si innamora perdutamente di Netti. Questo solo dopo aver imparato a distinguere il sesso dei marziani, a prima vista non così identificabili agli occhi di un umano. L’avventura di Leonid su Marte, però, non si rivela così idilliaca. Dopo qualche tempo scopre che esistono dei piani per la colonizzazione della Terra, azione possibile soltanto dopo lo sterminio degli abitanti del mondo. La rivelazione pone Leonid in situazione di agire e di cambiare per sempre il proprio destino e quello del pianeta da cui proviene.

ubermenschUbermensch di Davide Del Popolo Riolo (Delos)

La Germania nazista ha vinto la Seconda guerra mondiale. Un’ipotesi che si può ormai definire “classica” per il genere della Storia alternativa, a partire dal capolavoro di Philip K. Dick The Man in the High Castle. Ma nel mondo descritto da Davide Del Popolo Riolo gli eventi hanno preso una strada diversa per una ragione molto particolare; l’inserimento nell’equazione della storia di una variabile inattesa, l’Eroe Ariano, che ha spazzato via i nemici di Hitler. Narrato su diverse linee narrative, intrecciate con le cronache calcistiche e i rapporti militari tedeschi, il romanzo di Davide Del Popolo Riolo fonde storia e mito con una forza straordinaria, affascinando il lettore a ogni pagina. Fino alla conclusione in quell'”Alto castello” che assumerà tutto un altro significato.

Neon blu di Federico Carmosino (Fanucci)

In un mondo dominato dalla realtà virtuale, dai social network e dagli interessi di immense corporazioni, l’identità personale non è più univoca e le relazioni tra gli esseri umani, le loro proiezioni virtuali e le intelligenze artificiali si mescolano fino a divenire indistinguibili e alienabili. Le vicende personali e sentimentali di una serie di personaggi si mescolano in un susseguirsi di eventi scandito da Rose, eroina suo malgrado. Un hacker idealista, una giornalista free-lance, un programmato-re corporativo, un meccanico di periferia, un adolescente recluso e una giovane stalker… ognuno di loro lotta, a modo suo, contro se stesso e contro il sistema cercando rifugio e speranza nell’amore come unica via di fuga dalla società che isola, aliena e snatura. Al centro delle loro vite, un locale fuori dal tempo e dallo spazio, il Dreaming Dream Motel Bar, che diventa teatro di una notte di violenze e saccheggi causati da un improvviso quanto inatteso black-out totale…

Le sette morti di Evelyn Hardcastle di [Turton, Stuart]Le sette morti di Evelyn Hardcastle di Stuart Turton (Neri Pozza)

Blackheath House è una maestosa residenza di campagna cinta da migliaia di acri di foresta, una tenuta enorme che, nelle sue sale dagli stucchi sbrecciati dal tempo, è pronta ad accogliere gli invitati al ballo in maschera indetto da Lord Peter e Lady Helena Hardcastle. Gli ospiti sono membri dell’alta società, ufficiali, banchieri, medici ai quali è ben nota la tenuta degli Hardcastle. Diciannove anni prima erano tutti presenti al ricevimento in cui un tragico evento – la morte del giovane Thomas Hardcastle – ha segnato la storia della famiglia e della loro residenza, condannando entrambe a un inesorabile declino. Ora sono accorsi attratti dalla singolare circostanza di ritrovarsi di nuovo insieme, dalle sorprese promesse da Lord Peter per la serata, dai costumi bizzarri da indossare, dai fuochi d’artificio. Alle undici della sera, tuttavia, la morte torna a gettare i suoi dadi a Blackheath House. Nell’attimo in cui esplodono nell’aria i preannunciati fuochi d’artificio, Evelyn, la giovane e bella figlia di Lord Peter e Lady Helena, scivola lentamente nell’acqua del laghetto che orna il giardino antistante la casa. Morta, per un colpo di pistola al ventre.
Un tragico decesso che non pone fine alle crudeli sorprese della festa. L’invito al ballo si rivela un gioco spietato, una trappola inaspettata per i convenuti a Blackheath House e per uno di loro in particolare: Aiden Bishop. Evelyn Hardcastle non morirà, infatti, una volta sola. Finché Aiden non risolverà il mistero della sua morte, la scena della caduta nell’acqua si ripeterà, incessantemente, giorno dopo giorno. E ogni volta si concluderà con il fatidico colpo di pistola.
La sola via per porre fine a questo tragico gioco è identificare l’assassino. Ma, al sorgere di ogni nuovo giorno, Aiden si sveglia nel corpo di un ospite differente. E qualcuno è determinato a impedirgli di fuggire da Blackheath House…

Lo stallo dell’impero di John Scalzi (Fanucci)

L’Interdipendenza, l’impero interstellare dell’umanità, è sull’orlo del collasso. Il Flusso, il condotto extra-dimensionale che rende possibile il viaggio tra le stelle, sta scomparendo, lasciando intrappolati interi sistemi stellari. Se, in assenza di estreme misure risolutive, il Flusso scomparirà, la civiltà umana perirà con esso. L’imperatrice Grayland II, leader dell’Interdipendenza, è pronta a adottare le misure necessarie per garantire la sopravvivenza di miliardi di persone. Ma molti credono che il collasso del Flusso sia un mito o addirittura un’opportunità che potrebbe consentire loro di ascendere al potere. Mentre Grayland si prepara al disastro, altri si stanno preparando per una guerra civile, una guerra che si svolgerà non solo tra astronavi e su campi di battaglia, ma anche nelle sale del potere, nei mercati degli affari e negli altari del culto. L’imperatrice e i suoi alleati sono scaltri e intraprendenti, ma lo sono anche i loro nemici e niente in questa violenta lotta per il potere sarà semplice o lineare…

La trilogia di Valis di Philip K.Dick (Fanucci)

Precorrendo i motivi cari al cyberpunk, Philip K. Dick affonda la penna nei temi della decadenza, delle fantasie cosmiche e delle inquietudini interiori che attanagliano l’uomo moderno. Chi o cos’è Valis? È un’imperscrutabile entità intelligente che vive nello spazio? O forse un meccanismo, una formula o, ancora, un essere vivente vero e proprio, che emana uno sconvolgente flusso di informazioni sulla natura dell’universo? Nella ricerca di verità supreme, Valis pone il lettore di fronte a una serie di folgoranti interrogativi: cosa rappresentano la realtà e il divino, esistono davvero oppure sono semplici invenzioni della nostra mente? In Divina invasione, un dio alieno tenta di stabilire un contatto con i terrestri come mai è accaduto prima: invia sulla Terra il proprio figlio, privo di memoria. Ma una presenza sovrannaturale è capace di impregnare di sé l’universo: l’ennesima, efficacissima variazione dickiana sul tema della realtà-divinità nella quale gli uomini si dibattono. La trasmigrazione di Timothy Archer ruota attorno alla vita dissoluta del vescovo Archer, attraverso l’impietoso giudizio della controparte femminile, che scetticamente partecipa alla sua ricerca della verità metafisica, decidendo infine di abbandonarlo al proprio destino.

Strisciavano sulla sabbia (Urania) di [Hal, Clement]Strisciavano sulla sabbia di Hal Clement (Urania)

La fantascienza, si sa, è piena di mostri ameboidi che se ne vanno in giro strisciando sui loro pseudopodi, sia nei loro pianeti d’origine, sia sulla Terra. In questo romanzo per così dire poliscientifico (cioè fantascientifico e poliziesco) gli ameboidi che sbarcano sulla Terra sono due, ed entrambi, naturalmente, di mostruoso aspetto. Ma l’uno è un ameboide per bene, l’altro invece è orribile in tutti i sensi; l’uno rappresenta la Legge, l’altro il Delitto; l’uno insomma è un mostro-poliziotto, l’altro è un mostro-assassino. Chi dei due avrà la meglio nel duello all’ultimo sangue che ha inizio sulla costa della California?

L’anello di Hellcity – Rinascita di Francesco Di Giulio (Il seme bianco editore)

HellCity è una città-regime, protetta da mura di cemento e controllata da telecamere. I cittadini vivono subordinati a leggi restrittive e, a seguito di una guerra nucleare che ha quasi estinto l’intera razza umana, sono convinti che la città sia l’unico luogo sicuro sull’intero pianeta. I cittadini non percepiscono la loro reale situazione e vivono schiavizzati da un sistema totalitario che li fa credere liberi, invece, tramite il bombardamento di false informazioni, l’istallazione di microchip sottocutanei e l’utilizzo di palmari, l’apparato di sicurezza cittadino tiene sotto controllo l’intera comunità. Jayson però si renderà conto del condizionamento mentale e risveglierà la sua mente dall’oppressione che grava sulle loro vite.

Web is over. Parabola ed esplosione di Ubuweb, l’antiprofilo di Mario Guglielminetti (Temperino Rosso Edizioni)

E se a sparire fosse il world wide web? Domanda terribile, estrema, che irrompe in scena sgretolando certezze e turbando il sonno di una folla di utenti senza nome; è questa umanità amorfa, aggrovigliata nel vortice della comunicazione, l’oggetto di osservazione di Bòdler, psiconauta nafrago, che raccoglie informazioni sulla realtà sopraterrena grazie a un potente periscopio e pianifica la sua rivoluzione, incarnandosi (o per meglio dire digitalizzandosi) in Ubuweb, surreale Don Chisciotte nato per disintegrare ogni cosa e ricrearla a partire da lacrime di parole, cristalli di immagini, riconquiste di senso. La parabola di Ubuweb è una riflessione amara, ma densa di prospettive, sulle potenzialità del linguaggio e sulla necessità di restituirgli la capacità di ricreare ex novo una rete che sia finalmente connessione, non più trappola fatale.

Mass effect. Andromeda initiation di N.K.Jemisin (Multiplayer Edizioni)

Il tenente Cora Harper si è arruolata nell’Alleanza dei Sistemi per sviluppare i suoi poteri biotici. Assegnata all’unità militare Asari conosciuta come Figlie di Talein, Cora ha affinato le sue abilità ed è diventata un’abile cacciatrice. Tornata sulla Terra, Cora si sente un’estranea tra i suoi simili e si unisce all’Iniziativa Andromeda come braccio destro di Alec Ryder. La missione consiste nell’inviare centomila coloni a esplorare lo spazio sconosciuto in un viaggio di sola andata della durata di seicento anni. Il furto di una tecnologia tanto essenziale quanto pericolosa costringerà Cora a trovarla prima che possa essere usata contro l’Iniziativa, mettendo fine alla missione ancora prima che abbia inizio.

Medioevo. Il futuro è la porta, il passato la chiave di Elvio Ravasio (Gribaudi Editore)

Dopo il successo della saga “Le Cronache dei cinque Regni” – I guerrieri d’argento, Altèra,  Ombre dal passato Kiria – un nuovo avvincente romanzo fantascientifico-fantasy di Elvio Ravasio per ragazzi di tutte le età. Passato e presente si intrecciano. Siamo nell’anno 2354, una casta elitaria conosce l’immortalità e l’uso insensato uso della tecnologia sta portando alla devastazione il pianeta. Un vecchio mago e una giovane strega uniranno i loro poteri contro i biocyborg al comando. Solo un viaggio nel passato può rimediare a un futuro senza futuro, ma questa tecnologia ancora non esiste. Cosa succederà?

L'azienda: Buy your life! (Fuori collana) di [Cristiano Chiesa-Bini]L’azienda: Buy your life! di Cristiano Chiesa-Bini (Multimage Editore)

Siamo nel 2055 e da tempo si è sviluppato a livello mondiale un meccanismo equilibratore, un vero e proprio cervello organizzativo del nostro pianeta, noto come l’AZIENDA. Cinzia è una giovane donna curiosa e sensibile, appassionata allo studio della filosofia, che nella sua ricerca dell’essenza che definisca l’essere umano, trova inizialmente una risposta all’interno di quell’ingranaggio, in cui si inserisce con entusiasmo. Ma poi accadrà qualcosa di dirompente nella sua testa e nel suo cuore e…In questo romanzo l’autore ci offre una sua personale interpretazione dei nostri tempi, accompagnandoci, attraverso le vicende dei personaggi sulla scena, in un lungo viaggio fino ad arrivare al racconto visionario del nostro futuro.

le cronache di caeligarLe cronache di Caeligar di Luca Spiridigliozzi (Lettere Animate)

Terra, 2180; sono trascorsi più di 65 anni dalla grande catastrofe. Da allora, l’umanità è stata costretta a rifugiarsi su delle enormi metropoli galleggianti per sopravvivere a una crescente minaccia. Caeligar, una delle grandi città-isole, fornisce rifugio a Mathias Shephard: uno dei sopravvissuti, la generazione di Caeligariani che per prima solcò gli oceani. Rimasto solo, Mathias trascorre i suoi giorni nell’inedia, fin quando un misterioso imprenditore lo convince ad essere parte della sua utopica visione. Il “Piano Terra”, così come gli viene presentato, può rappresentare un faro di speranza per il rinnovato predominio della razza umana, eppure altre trame si agitano in sottofondo…

la fine del mondoLa fine del mondo di Volt (GOG Edizioni)

Pubblicato nel 1921, “La fine del mondo” è uno dei primi romanzi di fantascienza futurista, una visione avveniristica che anticipa temi cari a Bradbury, Simak, Sturgeon e soprattutto a James Blish. Volt immagina che nel 2197 l’invenzione di un materiale antigravità, la piombide, permette la costruzione di navi spaziali, le eteronavi, e l’esplorazione del Sistema Solare. La Terra è diventata invivibile per il degrado ecologico, il susseguirsi di disastri naturali, l’esaurirsi delle risorse energetiche e la sovrappopolazione. Cinquanta anni dopo, nel 2245, si costituisce la Società di Navigazione Transeterica con lo scopo di costruire una flotta di vascelli spaziali e la colonizzazione di altri pianeti, in pratica di Giove. Da questa possibilità si verifica uno scontro politico-ideologico fra i sostenitori di idee pacifiste e umanitarie e i teorici di una espansione di tipo imperiale: il protagonista Paolo Fonte, ideatore della Società, minato da un grave male, si deciderà a compiere l’azione risolutiva per il bene dell’umanità contro tutti i divieti politici del Consiglio Mondiale. Questo romanzo è la testimonianza del clima intellettuale che si respira tra i futuristi, i primi a guardare con favore e concitazione allo sviluppo tecnologico. Insieme ai loro sogni di conquista dello spazio, però, si vedono in controluce i loro incubi e le loro angosce esistenziali.

Ingegner Menni di Aleksandr Bogdanov (Alcatraz)

Scritto e pubblicato dopo «Stella Rossa», «Ingegner Menni» è la seconda parte della dilogia marziana e l’ultima opera di narrativa compiuta di Aleksandr Bogdanov. Collocato prima in linea temporale rispetto all’opera con protagonista il rivoluzionario pietroburghese Leonid, il romanzo viene presentato da questi come una sua traduzione destinata al popolo terrestre di un importante libro proveniente dal Pianeta rosso. Bogdanov sfrutta questo stratagemma letterario per raccontare la storia marziana dei circa duecentocinquanta anni che precedono «Stella Rossa» attraverso tre generazioni della famiglia dell’ingegner Menni, descrivendo così l’avvento del socialismo su Marte e raccontando in dettaglio la costruzione dei Grandi Canali, strutture geologiche individuate dallo scienziato italiano Giovanni Schiaparelli. Partendo da un’epoca feudale, con il duca Ormen Al’do, passando per il periodo borghese e capitalista caratterizzato da Menni e giungendo alla socialista Netti, Bogdanov riesce ancora una volta, dopo «Stella Rossa», a usare il linguaggio della finzione per trasmettere la sua visione filosofica e politica, adoperando i tre protagonisti come espediente per mostrare le differenze insite nella percezione della coscienza di classe di ognuno. Il presente volume contiene «Il marziano abbandonato sulla Terra», poemetto incompiuto che secondo i piani dell’autore sarebbe dovuto essere il terzo episodio della serie marziana.

Doctor Who - Il Buon Dottore di [Dawson, Juno]Doctor Who – Il Buon Dottore di Juno Dawson (Armenia)

Sul pianeta Lobos, il Dottore mette fine a una guerra cruenta tra la popolazione nativa dei loba e i coloni umani. Il TARDIS e il suo equipaggio ripartono… solo per scoprire che Ryan ha dimenticato il telefono. Di nuovo. Al suo ritorno, il Dottore scopre che il TARDIS è scivolato secoli nel futuro e qualcosa è andato terribilmente storto. I loba sono diventati schiavi degli umani che si sono tramutati in fanatici adoratori del misterioso Buon Dottore. Per il Dottore è arrivato il momento di affrontare le conseguenze della sua ultima visita. Con Lobos sull’orlo di una catastrofe, riuscirà a rimettere a posto le cose? La prima storia originale con il Tredicesimo Dottore, Yasmin, Ryan e Graham, interpretati sullo schermo da Jodie Whittaker, Mandip Gill, Tosin Cole e Bradley Walsh.

Alien Silver - Albo 10 - Scritture aliene: Autori Vari di [Firmo, Flavio , Viviani, Viviana , De Tomi, Roberta , Sgarro, Luigina, Milani, Marco , Ramunno, Orianna, Scarpello, Elvira , Detari, Frank, Fox, Olympia , Altomare, Donato]Scritture Aliene – Albo 10 di AA.VV. (GDS Edizioni)

Che misteri nasconde la mente di un drogato all’ultimo stadio? Alieni invisibili impongono un regime fin troppo garantista. L’uomo potrà accettarlo? Nel mondo dei sogni i libri diventano comete? Cosa nasconde l’orrido muraglione a ridosso della decaduta Bologna? Può il diavolo rubare l’anima alla più pura delle dee? La comunanza sinaptica fra coniugi è davvero un bene? Le prigioni del futuro potrebbero non avere sbarre. Una buona soluzione o un incubo? Se il potere non ha orecchie per i più deboli quale alternativa alla rivoluzione? La consapevolezza porta a nuove gerarchie. Tutto è come appare? E se Gesù, perse definitivamente le speranze, ci lasciasse? Se Dio e Satana non fossero altro che incalliti videopokeristi? Il nostro domani sarà ostaggio di orride e infinite trincee?

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *