Un altro (caldo) mese estivo è passato agli annali ed è tempo come sempre di vedere quali sono stati i libri di fantascienza più venduti a Luglio! C’è stata finalmente qualche novità nella classifica? Avremo avuto qualche scossone nel mercato degli eBook del genere? Ecco il resoconto…

I libri più venduti di Luglio – Cartaceo

libri fantascienza venduti luglio

Il libro più venduto di tutti si conferma IL DIARIO DELL’ANCELLA di Margaret Atwood,a cui il rilancio grazie alla serie televisiva (davvero molto ben riuscita) sembra davvero aver fatto molto bene. E dopo due (soliti) classici del duo Bradbury e Adams, ecco un’altra novità piuttosto importante.

Si piazza ai margini del podio infatti il nuovo lavoro di Leonardo Patrignani, che ne conferma le qualità e soprattutto le vendite. Anzi, si può quasi vedere questo TIME DEAL come una vera e propria consacrazione per l’autore di Multiversum.

E’ anche l’unica novità in TOP10 però, e questo la dice lunga sulla situazione delle vendite. Dopo di lui solo altri classici (da Asimov a Dick) oltre al sempre apprezzato ritorno di Eymeric per Evangelisti e qualche altro lavoro in salsa Young adult che non manca mai.

La TOP10 degli eBook di Luglio

Cambia poco nelle dinamiche, anche per la classifica dei TOP10 eBook del mese, dove è un grande classico come DUNE a dominare la graduatoria. Sul podio anche due titoli molto YA come ENGEL e THERE. Due prodotti italiani che fanno ben sperare in ogni caso (e che confermano Leonardo Patrignani come uno degli autori sicuramente più letti in assoluto in questo momento).

In classifica spazio anche per l’ultimo volume della saga di THE EXPANSE creata da James SA Corey, ma anche per quello che è stato l’ultimo libro pubblicato da Alan D.Altieri in vita, MAGELLAN.

 

2 comments

  1. Non mi aspettavo che Eymerich comparisse in classifica, erano passati davvero tanti anni dall’ultima uscita. Evidentemente è rimasto uno zoccolo duro di lettori dell’inquisitore…

    1. Beh, il buon Evangelisti si è creato una buona base di assidui lettori (me compreso). Questo ritorno era davvero una specie di “evento” per i tantissimi appassionati 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *