Aprile dolce dormire, recitava il vecchio detto. Ma prima magari, si potrebbe fare qualche bella lettura. Ecco allora tutti i Libri di Fantascienza che troveremo nelle librerie e negli shop online questo mese.

FANTASCIENZA IN LIBRERIA – LE NUOVE USCITE DI APRILE 2019

Dopo quella che è stata una vera scorpacciata di nuove uscite a Marzo, ci aspetta un Aprile leggermente più soft. Utile magari se non proprio per rimettersi in pari, per smaltire una coda di lettura sempre più lunga.  Vediamo insieme l’elenco di tutte le nuove uscite di Fantascienza, scoprendo comunque titoli molto interessanti che ci raccontano storie con tematiche e spunti diversi da approfondire.  A voi la scelta e in ogni caso, buona Fanta-lettura!

La fiamma nera di Stanley Grauman Weinbaum (Fanucci)

«Una fiamma nera che divampa gelida nel mondo»: la principessa Margot, immortale sorella del Maestro, il signore dell’Impero e riedificatore della civiltà umana dopo l’olocau-sto nucleare. Simbolo di tutto ciò che di male e di bene è racchiuso nella figura femminile, la Fiamma Nera considera il mondo rinnovato come un giocattolo nelle sue mani, un passatempo nato per distoglierla dalla noia grigia dell’immortalità. Nel mondo da qui a mille anni, infatti, la vita eterna è un fatto acquisito: ma soltanto per pochi, per quanti se ne sono dimostrati degni a insindacabile giudizio del Maestro, e dividono con lui il dominio della Terra, unificata sotto un immenso Impero. Un Impero che assicura ai suoi sudditi il benessere, la pace sociale, la sicurezza: ma pretende in cambio fedeltà assoluta, obbedienza indiscussa e docilità piena sotto il controllo degli Immortali. In un equilibrio del genere, basta poco per creare situazioni instabili, per canalizzare lo scontento e far esplodere moti di ribellione. Un caso fortuito è sufficiente a provocare una scintilla pericolosa: come quella rappresentata da Tom Connor, l’uomo che un singolare destino ha tolto al mondo del passato, e che sembra dotato di un’acutezza d’ingegno sconosciuta all’umanità nuova. Soprattutto, l’uomo che, unico al mondo, non ha alcun timore della Fiamma Nera.

Il gioco degli dèi bambini di [Piero Schiavo Campo]Il gioco degli Dei bambini di Piero Schiavo Campo (Delos Digital)

Racconti (167 pagine) – Sette affascinanti racconti dall’autore due volte vincitore del Premio Urania, nella migliore tradizione del racconto brillante e affilato che ha reso famoso Robert Sheckley. Se l’universo è la creazione di una specie di supercomputer, ci sono dei bachi? In regime di lotta agli sprechi come cambiano le funzioni funerarie? Quale miglior modo per sfruttare l’invenzione del secolo se non aprire una pizzeria? Se sei un dio del male, in quale settore economico dovresti operare per fare più danni? Chi può fermare un pericoloso terrorista se non un irresistibile cuoco? Si è legalmente responsabili per le azioni dei propri software? E se si può amare una bambola, una bambola può amare noi? Brillante, arguto, capace di sollevare dubbi e domande che scuotono la coscienza e la visione del mondo, Piero Schiavo Campo dimostra di saper padroneggiare la lunghezza del racconto almeno altrettanto bene di quella del romanzo, che gli è valsa due Premi Urania.

Aleph di [Calabrese, Fabio, Sangiorgi, Giorgio]

Aleph di Fabio Calabrese e Giorgio Sangiorgi  (Edizioni Scudo)

Le avventure dell’astronave Omega.  Il Capitano Alcott e la sua astronave, sono oramai svaniti nella leggenda, sacrificandosi per il nobile scopo di riaprire la strada verso le altre galassie. Tuttavia, non sarà la Flotta Stellare a riaprire le danze ma, con un forte parallelismo con quanto sta avvenendo nella storia dell’astronautica attuale, un gruppo di privati ardimentosi. Una nuova astronave, l’Aleph, è quindi pronta a partire per l’ignoto e sul suo ponte troveremo diverse vecchie conoscenze e qualche nuovo arrivo.

Suicide Club di [Heng, Rachel]Suicide Club di Rachel Heng (Nord)

Lea ha cento anni e ne dimostra meno di quaranta, grazie agli straordinari progressi della medicina, che permettono ad alcune persone – selezionate alla nascita – di triplicare la durata della vita. Tutto quello che devono fare è attenersi scrupolosamente alle regole del benessere. Lea non mangia cibi grassi, non beve alcolici, non ascolta musica deprimente, non si allena né troppo intensamente né troppo poco. È la candidata ideale per accedere a una nuova fase sperimentale di cure, destinata a prolungare l’esistenza all’infinito. Un giorno, però, tornando dal lavoro, Lea vede suo padre dall’altra parte della strada, un padre con cui non ha rapporti da ottantotto anni. Per raggiungerlo, si lancia in mezzo al traffico e per poco non viene investita. Quel semplice gesto è la sua rovina: come può essere degna dell’immortalità una persona che agisce in modo tanto sconsiderato? In un attimo, il suo nome viene depennato dalla lista dei prescelti e lei è costretta a frequentare un gruppo di sostegno. Ed è qui che entra in contatto con alcuni membri del Suicide Club, un gruppo di ribelli che si batte per poter scegliere come e quando morire. E suo padre è uno dei membri. Dapprima sconcertata, a poco a poco Lea si rende conto che questi uomini e queste donne – che mangiano quello che vogliono, vanno a concerti clandestini, praticano sport estremi – hanno accumulato più esperienze in un anno di quante non ne abbia provate lei in una vita intera. D’un tratto, la prospettiva di vivere un’eternità di rinunce non è più così allettante. Ma ben presto si renderà conto che tutto ha un prezzo, e quello per la libertà potrebbe essere troppo alto…

L’uomo del censimento di Chine Miéville (Zona42)

“Puoi raccontare la storia come ti pare, mi ha detto, puoi essere io o lui o lei o noi o loro o tu, e comunque non mentirai, anche se forse racconterai due storie in una.”. La città sopravvive come sospesa, a cavallo tra due montagne tagliate da una voragine, riunite da un ponte, passaggio di persone, mercato, regno degli orfani. Il fabbricante di chiavi vive sulla montagna, lontano dalla città, insieme alla sua famiglia. Un giorno suo figlio corre in città, il terrore negli occhi, la paura nel cuore. Ha assistito all’indicibile e cerca riparo, chiede aiuto, vuole giustizia. Incontrerà indifferenza, gli verrà offerta amicizia e un avvertimento: qualcuno, nascosto nel passato della sua famiglia, lo sta venendo a cercare. Quando l’uomo del censimento busserà alla sua porta, il figlio del fabbricante di chiavi sarà in grado di fornire le informazioni richieste? L’uomo del censimento è un romanzo in bilico tra letteratura weird e spietato realismo, una storia di segreti e rivelazioni, di tragedia e coraggio, di silenzio e solitudine e misteri sempre sulla soglia della rivelazione.

Il re del convito di [Paul Di Filippo]Il Re del convito di Paul di Filippo (Delos Digital)

Racconto lungo (38 pagine) – O di quando Giosuè Carducci fu arruolato da un uomo dotato di incredibili poteri per conquistare l’Italia e il mondo! Quando nel 1857 viene portato dagli amici a vivere “l’avventura della vita”, Giosuè Carducci è un giovane professore di liceo, aspirante poeta poco più che ventenne, che passa le giornate a insegnare latino e le sere a far baldoria con gli amici. Ma tutto sta per cambiare quando conosce Sileno, un uomo dotato di abilità incredibili. E ancora più incredibile ciò che l’uomo propone a Carducci: utilizzare i suoi poteri e le sue armi per riunire l’Italia – e poi il mondo! – sotto il suo dominio. Come resistere al fascino di tanto ardire? Un nuovo prezioso racconto di Paul Di Filippo ambientato in Italia.

Progetto Quintaglio (Urania) di [Sawyer, Robert J.]

Progetto Quintaglio di Robert J. Sawyer (Urania)

Progetto Quintaglio Toroca, direttore dei rilevamenti geologici, sta cercando di difendere la sua controversa teoria dell’evoluzione. Ma le origini della sua gente, i Quintaglio, si rivelano più complesse di quanto lui immaginasse, quando viene alla luce il relitto di un’antica astronave degli alieni che avevano portato i dinosauri terrestri nel loro sistema solare. Mentre Toroca deve convincere l’imperatore Dybo che l’evoluzione c’è stata, altrimenti non ci sarà alcun futuro per gli ultimi sopravvissuti del passato preistorico della Terra, a Capital City il sapiente cieco Alfan è sulle tracce di un misterioso assassino, il primo che ci sia mai stato nella storia dei Quintaglio… E l’imperatore Dybo deve far fronte alle rivendicazioni al trono avanzate da suo fratello Rodlox.

Niente di umano all’orizzonte di Diego Tonini (Scatole Parlanti Editore)

“Niente di umano all’orizzonte” è una raccolta di racconti che descrivono un futuro prossimo, oramai palpabile, in cui la tecnologia gioca un ruolo sempre più importante. Attraverso un’intelligente ironia condita con delle sfumature fantascientifiche, nelle narrazioni si trattano temi attuali; dalla pervasività dei social network in ogni aspetto della vita quotidiana ai tanti misteri che accompagnano il ruolo dell’informatica nella geopolitica. I protagonisti sono molteplici, alle prese con una realtà disorientante: un figlio si ostina a voler mantenere in vita l’anziano padre (“Andiamo a casa”) mentre il candidato per un posto di lavoro decide di indagare per risolvere il caso di un omicidio al quale ha assistito durante un colloquio via Skype (“Il colloquio”). In ogni caso il confine tra umanità e alienazione è sempre più labile, al cospetto di un mondo evolutosi rapidamente e in maniera quasi incontrollata.

Nel grande vuoto di [Bellafqih, Adil]Nel grande vuoto di Adil Bellafqih (Mondadori)

Il Crollo ha scavato un profondo precipizio nella storia del mondo, e quel che è rimasto dell’umanità vive con un’idea confusa del proprio passato, perennemente connessa all’Aion, l’onnisciente insieme organico di menti che grazie alla Realtà Aumentata offre a chiunque la possibilità – ovviamente a pagamento – di mostrare agli altri un avatar, una versione tridimensionale contraffatta di sé dietro cui trincerarsi e nascondere i propri fallimenti e le proprie solitudini. Finire, anche solo per pochi minuti, in Tendenza: ecco il sogno che tiranneggia la vita di ognuno. Ma un mondo in cui tutto è camuffabile è un mondo in cui tutto è manipolabile: immersi in un maelstrom informatico che abbaglia con mondi fittizi, pop-up e banner pubblicitari, gli esseri umani si ritrovano alla mercé di fake news, improvvisati guru e finti salvatori. L’unico modo per proteggersi è ricorrere ai debunker, detective privati e demistificatori che setacciano la Rete ripulendola dalle menzogne telematiche. E uno dei migliori in circolazione è sicuramente Meister Eckhart, anche perché rispetto ai suoi colleghi ha un vantaggio segreto: grazie a un difetto all’impianto spinale, Eckhart se si copre un occhio vede il mondo vero, spogliato dal doping dell’Aion. Quando alla porta del suo ufficio bussa la fascinosa Eva, decisa a far luce sulla morte misteriosa del figlio Ivan e sulla sua ancor più inspiegabile scomparsa dall’Aion, Eckhart accetta il caso, senza sapere di avere appena commesso l’errore più terribile della sua vita.

Cuerpos: Fantascienza contemporanea spagnola e latino-americana (Future Fiction Vol. 72) di [Mallorquí, César, Angulo Ardoy, María, Womack, Marian, Jiménez Troya, Juanfran, Mota, Erick, Martí, Maria Antònia, Jurado, Cristina, Torras, Carme, Damián Miravete, Gabriela]Cuerpos: Fantascienza contemporanea spagnola e latino-americana di AA.VV. (Future Fiction)

Tradotti per la prima volta in italiano da Raul Ciannella, questi nove racconti rappresentano una selezione della migliore fantascienza contemporanea spagnola e latino-americana. Il tema che unisce le storie di quest’antologia è il corpo: corpo biopolitico e artificiale, umano e animale, desiderato e rifiutato. María Angulo Ardoy descrive le vicende di due scienziati giapponesi in pensione, ridotti a esuberi in un paese che non si cura più degli anziani. César Mallorquí intreccia le storie parallele di un cane pastore e un sistema di sorveglianza satellitare costretto a infrangere i limiti della sua stessa programmazione. Marian Womack esplora le possibili conseguenze dell’ingerenza umana negli ecosistemi naturali ormai devastati. Juanfran Jiménez gioca con lo scambio di menti in un’avventura criminale che sfida la nostra idea di identità. Erick J. Mota costruisce una satira grottesca sul regime cubano che trasforma i propri cittadini in zombie al servizio della rivoluzione. Maria Antònia Martí Escayol elabora un’ucronia estremamente documentata e ingegnosa in cui il filosofo Descartes rende sua figlia un automa immortale. Cristina Jurado si avventura nelle viscere della spazzatura urbana con una storia di macabra sopravvivenza. Carme Torras costruisce un rapporto d’amicizia tra una ragazza e una misteriosa figura che gestisce una stazione di ricarica in una Spagna post-apocalittica. Infine, Gabriela Damián Miravete immagina una tecnologia olografica, realistica e toccante, per rendere omaggio alle vittime di femminicidio.

La fuga del Robot selvatico di Peter Brown  (Salani)

Dopo aver imparato come sopravvivere in un’isola selvaggia, il robot Rozzum unità 7134 (Roz per gli amici) è adesso intrappolata in una fattoria in cui deve lavorare. La famiglia che ci vive non è male, soprattutto i due bambini, ma nel suo cuore Roz non ha mai dimenticato la libertà a cui era abituata, gli animali suoi amici, e soprattutto Beccolustro, l’ochetta che ha adottato e che adesso è suo figlio. Ma la sua isola è lontanissima, e per raggiungerla dovrebbe attraversare una frenetica città smisurata e tentacolare, con il terribile rischio di essere scoperta e distrutta. Nei suoi circuiti però, l’amore scorre più potente di qualunque software, e Roz comincia così il suo difficile viaggio, in cui dovrà confrontarsi con la creatura più pericolosa di tutte, ma anche l’unica che potrà rispondere alle sue domande: l’uomo. Età di lettura: da 9 anni.

Io e il mio clone di Mariateresa Fiumanò e Maria Angelica Maoddi (Eracle Edizioni)

Un romanzo noir di scienza/fantascienza nato dalla fantasia e dalla professionalità di una psicologa e di una neurologa-psichiatra. La protagonista è una scienziata che viene clonata e che alleva il suo clone come una figlia. Quando quest’ultima scopre la sua origine fugge in una città degli Stati Uniti dove finisce vittima di altre ardite sperimentazioni. Ritornata a casa in Italia si vendica atrocemente, per poi capire che la vendetta non la porterà mai alla soluzione dei suoi problemi fisici e mentali. Il presente libro tratta diverse interessanti tematiche tra cui: l’assenza di regole e di etica in molti tipi di esperimenti scientifici; la genesi della violenza nell’uomo; l’influenza negativa che può avere sui bambini un ambiente familiare noncurante delle loro esigenze; l’omosessualità maschile; la possibilità dell’esistenza dell’anima e la possibilità di una vita oltre la morte.

L'uomo che vedeva gli atomi (Urania) di [Leinster, Murray]L’uomo che vedeva gli atomi di Murray Leinster (Urania)

Un giorno il dottor David Murfree, preoccupato da una serie di fenomeni segnalati da ogni parte degli Stati Uniti, decide di indagare per proprio conto, e parte con la sua vecchia auto. Deve compiere un lungo viaggio, perché intende raggiungere una desolata regione che secondo i suoi calcoli dovrebbe essere l’epicentro di tutti i fenomeni. Ma se non incontrasse sul suo cammino l’officina di Bud Gregory, non arriverebbe mai a destinazione, perché a un certo punto la macchina si rifiuta di proseguire. Bud è davvero uno strano tipo di meccanico e le sue riparazioni non sono molto ortodosse. Anzi, lo sono così poco da destare la curiosità e l’interesse del dottor Murfree: il rozzo meccanico semianalfabeta ne sa, in fatto di energia nucleare e di elettronica, assai più di tutti gli scienziati messi insieme. Perché lui, gli atomi, riesce davvero a vederli…

Star Wars. Thrawn di Timothy Zahn (Mondadori)

Thrawn, il grand’ammiraglio Galattico, è uno dei personaggi più affascinanti della saga di Star Wars, uno dei “cattivi” più spietati e allo stesso tempo intriganti della fantaScienza. Eppure finora poco si sapeva delle .sue origini e della sua ascesa all’interno dell’Impero: liberato dall’esilio dalle truppe imperiali, presto attira l’attenzione di Palpatine, grazie alle sue doti di infallibile stratega e al suo genio letale. E presto dimostrerà di essere tanto indispensabile quanto ambizioso, leale quanto il più fedele servitore dell’Impero, Dardi Vader, e soprattutto un guerriero da non sottovalutare mai. Sconfigge ribelli, spie, pirati; le promozioni si susseguono una dopo l’altra, così come i trionfi sul campo di battaglia. Fino all’ultima sfida: nominato. ammiraglio, l’implacabile combattente dalla pelle, blu e gli occhi. rossi dovrà fronteggiare la più pericolosa delle minacce, che potrebbe mettere a repentaglio il potere dell’Impero sulla galassia. E tutti i temerari progetti di Thrawn.

Zero di [Silvia Treves]Zero di Silvia Treves (Delos Digital)

Racconto lungo (39 pagine) – La ferrovia che collegava quei due mondi maledetti aveva una terza fermata. Avrebbe avuto il coraggio di scendere lì? Uno: un mondo in guerra. Due: un mondo di ineguaglianze e discriminazioni. Tra loro, una ferrovia che collega le due dimensioni. Delia, originaria di Uno e pendolo tra i due mondi, percorre quella tratta ogni settimana, per tornare a Due da suo marito Yusun e dal piccolo Mosi, che la aspettano fedelmente tra mille difficoltà. Ma un giorno, Delia si accorge di una terza fermata, ben nascosta tra le pieghe delle due dimensioni. Che fare, a quel punto? Come continuare a vivere facendo finta di niente? Silvia Treves firma un racconto visionario e toccante, che scivola tra i generi con la delicatezza e la potenza di un sogno a occhi aperti: ma ci parla di noi, e delle barriere che abbiamo bisogno di infrangere e scavalcare.

Il Nirvana elettrico di [Speciotti, Luca]Il Nirvana elettrico di Luca Speciotti (Genesis Publishing)

Nell’anno 2041 Enrico è un anziano vedovo che, soggiogato dai ricordi, non sa come trascorrere le giornate. Un funzionario comunale gli proporrà allora di viaggiare nel tempo e di usufruire di uno speciale bonus che gli consentirà di ringiovanire di una trentina d’anni. Non potendo tuttavia rivivere la propria esistenza, sarà catapultato nella Bologna degli anni Venti. In una città storica e misteriosa dove, oltre ai gerarchi fascisti, incontrerà delle giovani donne, dei campioni dello sport e un avo. Sarà l’inizio di una nuova esistenza, ma l’inattesa visita di Mussolini che giungerà in città per inaugurare il nuovo stadio, finirà per cambiare le carte in tavola dando vita a un vortice di eventi inaspettati.

L'esule dai sogni di [Fabrizio Di Filippo]L’esule dai sogni di Fabrizio Di Filippo (Delos Digital)

Racconto lungo (32 pagine) – Non la voleva nessuno, eppure aveva sogni da offrire. I larosiani hanno le facce di rame e fanno quelle cose con la mente. Sono diversi e sono dispersi, perché il loro pianeta non c’è più. Profughi stellari come Aleina, costretta con sua figlia Sionna a vivere ai margini della società di Artesia. Un posto come un altro in cui essere ignorati e sfruttati, e dove il potere di Aleina di generare sogni è visto con paura, sebbene i sogni non abbiano colore, religione o appartenenze. Eppure, esiste un modo per cambiare le cose e portare nuova dignità ai profughi di Laros. Tocca ad Aleina scegliere, ed è una scelta che comporta un sacrificio, e con esso il sogno più bello: la speranza.

Nemesis. In principio di Alessandra Giacich (Lettere Animate)

La vita di Madeline era una bugia. Una bugia creata ad arte dai migliori hacker in circolazione. Vestita dei panni di un insegnante, cerca di dare un senso di “normalità” alla sua vita, fino a quando, una mattina, un uomo venne a bussare alla sua porta. Simon Clark, adepto e devoto servo, riesce a rintracciarla e le fa una proposta scioccante. Il male doveva essere estirpato, la famiglia che per anni li aveva nutriti doveva cessare di esistere. Le chiede di denunciare la stirpe di Horus. Le sue due vite entreranno inesorabilmente in collisione e tutto prenderà una piega inaspettata. Troverà il coraggio di tradire l’uomo che ama? Ma la domanda che iniziò a tormentarla, fu: chi era davvero Madeline Ray?

Delos Science Fiction 205 di [Carmine Treanni]Delos Science Fiction 205 (Delos Digital)

Rivista (84 pagine) – Captain Marvel e il Cinematic Universe – Captive State – Horizon – Supereroi all’italiana – Cinque romanzi distopici. Sono ben quindici gli articoli in uscita oggi con il numero 205 di Delos Science Fiction, la più antica e longeva rivista online italiana, diretta da Carmine Treanni. In finale al Premio Italia, tra l’altro: se dovete ancora votare (mancano pochi giorni!) ricordatevela! Lo speciale, curato da Arturo Fabra, è dedicato a Captain Marvel, film e eroina eponima che va a collocarsi in un ruolo assolutamente centrale di quell’Universo cinematico Marvel che con il prossimo film, Avengers: Endgame, arriva a un punto di svolta. Si parla di Captive State, distopia con alieni uscita questa settimana al cinema, e distopie letterarie, da Orwell a Hunger Games. Continua l’indagine su “Perché la fantascienza non viene capita” e si torna anche su un tema trattato un paio di numeri fa, fantascienza e musica.

Nubila di Alberto Grandi (Prospero Editore)

Due specie intelligenti a confronto: una ha la fede e l’altra il progresso, una crede negli dei e l’altra nella tecnologia. Quale vincerà? Fuggiti dalla Terra, gli esseri umani si sono stanziati su Nubila, un sistema planetario situato in un’altra galassia. Qui hanno fondato un impero che col tempo è diventato sempre più repressivo, creando malcontento e riducendo in schiavitù i mutanti, la specie autoctona che si affida agli antichi dei. Una profezia cambia quella che doveva essere una missione contro l’impero in qualcosa di diverso, un’avventura da cui dipenderanno non solo le sorti di tutti i pianeti, ma del tempo e dello spazio.

Neverworld di [Pessl, Marisha]Neverworld di Marisha Pessl (Mondadori)

Quando Beatrice frequentava il liceo, Jim, Martha, Whitley, Kipling e Cannon erano la sua famiglia, i primi veri amici che avesse mai avuto. Loro sei erano come un club, una società segreta invidiata da tutti gli altri studenti. E per tutti l’improvvisa e misteriosa morte di Jim, il più carismatico del gruppo e fidanzato di Bea, era stata un terremoto, di quelli che inghiottono la città e spazzano via ogni cosa. Un anno dopo, in occasione del compleanno di Whitley, Beatrice torna nella villa dove il gruppo era solito trascorrere lunghissime nottate a raccontarsi segreti, amori, piani per conquistare il mondo, sperando di trovare risposta alla domanda che ancora la tormenta: cosa è successo davvero al suo ragazzo? Perché, di questo è certa, i suoi (ormai ex) amici sanno molto più di quanto non diano a vedere. La notte corre via veloce, tra balli scatenati in un locale del centro, un po’ troppi Moscow Mule, battute imbarazzanti e silenzi imperscrutabili, fino all’epilogo, un incidente d’auto dal quale il gruppo esce apparentemente illeso. Ma una volta rientrati alla villa, accade l’impensabile: un uomo misterioso bussa alla porta e, candido, annuncia una verità sconvolgente: sono tutti morti. O meglio: sono tutti quasi morti, incastrati tra la vita e la morte, prigionieri in una sorta di limbo, il Neverworld, dove il giorno appena vissuto è destinato a ripetersi all’infinito. Solo uno di loro potrà scampare a questo incubo e tornare alla vita vera, ma dovranno essere loro stessi a decidere chi. Una scelta difficile, impossibile. Dopo un primo momento di incredulità, a mano a mano che alla negazione si sostituisce la lucida accettazione della realtà, inizierà a essere chiaro a tutti che l’unica speranza di scampare a un destino tanto crudele è fare fronte comune e aiutarsi l’un l’altro e, soprattuto, che la chiave di volta è legata in modo indissolubile alla scoperta di cosa è accaduto davvero la notte della scomparsa di Jim.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *