Young Adult: tutto quello che c’è da sapere

Young Adult, un nome che molto probabilmente abbiamo sentito spesso quando si parla di libri. Ma che cos’è lo young adult? E’ un genere letterario, che come dice la parola stessa dovrebbe rivolgersi a quella fascia di pubblico ancora nel limbo tra i libri per bambini e la letteratura per adulti. Quella che una volta si sarebbe chiamata più semplicemente “narrativa per ragazzi”, ma che in effetti ha assunto delle connotazioni (e delle tematiche) piuttosto specifiche in questi anni.

Definire i punti di definizione dello Young Adult, era abbastanza facile in principio, tanto che in pratica si poteva riassumere tutto con un “dove ci sono protagonisti teenagers“. Ma oggi questo confine è sempre più sfumato, persino nel target di lettori.

Se è vero infatti, che tutti i libri Young Adult sono generalmente indirizzati proprio a una fascia di pubblico che va dai 12 ai 18 anni (o giù di lì), è vero anche che sempre di più l’età dei lettori del genere è ampia e variegata.

Young Adult – Chi lo legge?

Come abbiamo accennato, di fondo questo genere letterario è letto per lo più da ragazzi nella fase di passaggio tra l’età fanciullesca e quella adulta. Tanto che di nuovo l’associazione con il vecchio “romanzo di formazione” è abbastanza indicata (quella fase quindi dove il protagonista passava dall’età dell’adolescenza ad una più matura, con annessi e connessi).

Eppure allo stato dei fatti, se andiamo ad analizzare il pubblico reale che compra questo genere di libri, scopriamo che questa fascia è nettamente più ampia rispetto all’idea originale. 

Il pubblico di riferimento spazia infatti dagli undici, fino a coinvolgere però anche gli over 35 o 40 anni. Un range così ampio, che non a caso ha permesso anche ai contenuti di spaziare molto sia in termini di genere (dal Romance alla Fantascienza), sia in termini di storia e protagonisti.

Un range di lettori che, inoltre, rappresenta anche quella fascia di pubblico che più è interessata all’acquisto di libri (e merchandising relativo). Facile quindi pensare ai motivi che lo rendono così popolare e così ricercato dagli editori. 

Le caratteristiche del genere

Nonostante questa fascia di pubblico molto ampia, lo Young Adult rimane comunque un genere tipicamente indirizzato ai giovani. Soprattutto per quanto riguarda protagonisti e stile di scrittura.

I protagonisti infatti, sono molto spesso dei teenagers che affrontano quelle particolari problematiche legate all’età o la ricerca di nuove emozioni (anche se come abbiamo detto, vediamo sempre di più alzarsi anche l’età dei nostri “eroi”, alle prese oltre che con la scuola, con situazioni più adulte quali il lavoro, l’economia familiare, la costruzione di una famiglia, eccetera).

young adult

Diciamo che forse la vera differenza rispetto al romanzo adulto, potrebbe essere identificata nello stile di scrittura. Quando affrontiamo un romanzo Young Adult infatti, ci troviamo quasi sempre di fronte ad una scrittura molto diretta, con strutture piuttosto semplici e l’attenzione dedicata soprattutto alla storia e alle emozioni dei personaggi.  Lo scopo principale è creare empatia, quindi il linguaggio è volutamente giovanile e non troppo ricercato.

Identificare un libro in questo genere però, non è sempre impresa facile. Queste stesse caratteristiche infatti, potrebbero essere trovate anche in libri non propriamente del genere. Di fondo, è anche il target che lo scrittore vuole identificare con la sua storia che ne identifica l’appartenenza.

E soprattutto, il tempo in cui è stato scritto. Proprio perchè il linguaggio usato nella scrittura è quasi sempre giovanile e attuale, sarebbe errato inserire un “Zanna Bianca” o i libri di Salgari in questo contesto. Parimenti, “Moby Dick”, pur essendo una storia che piace molto anche ai giovani, non può essere considerato YA perchè il suo stile di scrittura non è certo in linea con il genere. In ambito fantascientifico, anche “Il gioco di Ender” ha avuto un certo successo tra i giovani (complice anche l’opera cinematografica), ma anche qua lo stile di scrittura è decisamente più duro e serio.

Se vi dicessi “Alice nel paese delle Meraviglie”? Qualcuno mai penserebbe ad un romanzo Young Adult?

Sarei quindi portato a pensare che lo stile di scrittura e i temi affrontati, più ancora di storia e personaggi, sono il modo che l’autore ha per identificare la sua opera in questo genere (o in altri). 

I generi dello Young Adult

Ma parlare di Young Adult è comunque ancora troppo vago. All’interno del genere infatti, sono presenti diversi “sotto-generi” in base agli argomenti trattati.

Sono soprattutto tre le macro aree in cui si muovono: Romance, Fantasy e Fantascienza (ditopica il più delle volte). Ovvero i racconti dove la storia d’amore è alla base di tutto e vivono in un ambiente reale e contemporaneo (Romance). Il Fantasy, che ha ovviamente in “Harry Potter” il suo capo saldo migliore, ma che ha visto interi filoni nascere subito dopo (anche con deviazioni più Horror come i vampiri di Twilight, o più mitologiche con gli Dei ragazzi in Percy Jackson). La fantascienza, dove è invece stato Hunger Games a catalizzare l’attenzione (anche qua però, dando il via ad altre serie super famose, da Maze Runner a Divergent).

Tanti mondi dentro un mondo.

I libri da non perdere del genere Young Adult

Malgrado siano tantissimi i titoli in commercio del genere, e tanti altri ancora ogni anno se ne aggiungono, diciamo che ci sono alcuni titoli che proprio non possono mancare per chi vuole addentrarsi nel mondo degli YA.

Cerchiamo di darvene un paio, magari provando a cogliere aspetti diversi del filone che possano mettere in mostra qualità e storie differenti (una delle critiche maggiori al genere da parte dei detrattori infatti, è proprio la mancanza di varietà nelle trame).

  • HUNGER GAMES di Suzanne Collins – C’è un “prima” e un “dopo” HG. E’ uno di quei libri che sicuramente ha dato una svolta al genere, se non creandolo (perchè certamente c’è stato molto anche prima di questo, a cominciare proprio da quel “Battle Royale” che di fatto lo anticipa in tutto e per tutto), di certo dando quella scossa commerciale che ne ha reso possibile la diffusione a livello mondiale e la susseguente creazione del filone distopico e post-apocalittico tanto caro al genere (“Divergent” e “Maze Runner” vari per esempio).
  • THE PROGRAM di Suzanne Young – A proposito di filoni, se quello di HG è incentrato anche su molta “action”, in questo caso invece il percorso è molto incentrato sul lato emozionale e psicologico dei personaggi, utilizzando come “scusa” una pericolosa epidemia che ne cancella i ricordi (il filone dei virus che spostano attenzione sui ragazzini è altresì molto utilizzato, come nel recente “U4” che è stato un mezzo caso editoriale)
  • MILLENIALS di La Buoncostume – In ambito italiano, ci piace ricordare la possibilità di leggere un altro distopico centrato proprio sul fatto che gli adulti vengano improvvisamente “congelati” da una sorta di malattia, lasciando ai ragazzi il compito di costruire una nuova società. Il tema come detto è trattato da molte opere, ma in questo caso gli autori hanno dato buona prova letteraria e il libro si presta a letture su più livelli.
  • TWILIGTH di Stephenie Meyer – Se HG ha dato il via al filone distopico, è senza dubbio vero che l’uscita di “Twilight” ha ri-aperto una strada quanto mai battuta come quella dell’horror e dei vampiri. In questa nuova versione però, come ormai sappiamo i vampiri sono quanto di più affascinante ci sia e la componente “romance” è il vero motore portante della storia.
  • COLPA DELLE STELLE di John Green – Non solo distopie, vampiri e storie fantastiche però. Il mondo degli Young Adult è anche pieno (zeppo) di storie romantiche e d’amore. Come nel caso dei libri di John Green e di questo in particolare, dove le esperienze pur giovanili dei protagonisti, si fondono anche con il dolore della vita reale e proprio da esso traggono spesso la forza per la loro crescita personale.
  • HARRY POTTER di J.K. Rowling – E se parliamo di capostipite, di certo la saga del maghetto con gli occhiali può considerarsi tale sotto molti punti di vista. L’evoluzione dei personaggi in questo caso non è stata solo anagrafica, visto che ci ha accompagnato realmente fino alla loro maggiore età ed oltre. Ma soprattutto di stile e ambientazione. La stessa autrice è cresciuta durante gli anni (insieme al suo successo sconfinato), portando ambientazioni più cupe, tematiche più profonde, sviluppi più intimi.  Un romanzo per ragazzi, certo, ma che nel tempo si è fatto adulto.

 

Tutti i libri di Fantascienza in uscita ad Aprile 2017

Aprile 20, 2017

The Discovery (La Scoperta): e se l'aldilà fosse provato scientificamente?

Aprile 20, 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *